Lago Baikal, meraviglia russa

di
Lago Baikal, Russia  © www.sidetracked.com

Lago Baikal, Russia © www.sidetracked.com

Dallo specchio del lago Baikal, enormi lastroni emergono dalla sua superficie ghiaccio e disegnano l’orizzonte della Siberia meridionale. È un fenomeno, questo, che nel mese di marzo regala meraviglia a una delle sette meraviglie della Russia.

Tale è infatti considerato il bacino d’acqua più profondo al mondo, 1642 metri nella parte centrale, nonché il secondo più lungo: si distende per 31.722 chilometri quadrati tra i territori dell’oblast’ di Irkutsk e della repubblica di Buriazia.

Proclamato patrimonio dell’umanità dall’Unesco nel 1996, il lago Baikal è un mondo a sé caratterizzato da 336 emissari che con le loro acque ne gonfiano il cuore argento e lo riempiono di vita.

Il bacino è ricco di specie viventi: oggi sono oltre 2500, di cui il 60 per cento di tipo animale e il 15 per cento di tipo vegetale. Ci sono inoltre 250 specie di crostacei e 52 di pesci, di cui 27 endemiche.

Una degli animali più caratteristici del lago Baikal e anche una delle più simpatiche è la nerpa: questa foca dal manto grigio è di piccola taglia e mangia pesci. La caccia dissennata del secolo scorso ne ha messo in pericolo la sopravvivenza. Oggi, a seguito della sua tutela, si contano 75 mila esemplari

Durante il periodo invernale, il bacino si congela in superficie formando da dicembre sino a maggio una spessa coltre di ghiaccio. La zona è attraversata dal sarma, un vento fortissimo che raggiunge i 150 chilometri l’ora.

Negli ultimi anni, soprattutto durante il regime comunista, l’integrità del lago Baikal è stata messa a repentaglio da agenti inquinanti riversati nelle sue acque. Oggi si tenta di porre rimedio con politiche più attente all’ambiente.

Così come si sta cercando di fare dell’enorme bacino un’attrattiva turistica: le agenzie che offrono diversi tipi di avventura e sistemazione aumentano ogni anno di più. Pure quelli in caccia di Ufo visto che la regione sembra foriera di strani avvistamenti.

Oltre ai russi, anche diversi europei facoltosi possono arrivare qui sulle sponde del lago Baikal dove nei secoli si sono insediati le comunità religiose dello “sciamanesimo tibetano”, il “buddhismo” ed il cristianesimo ortodosso.

Ora, senza più tanta distinzione di credo e religione, tutti uniti nel nome del solo e unico Dio del guadagno si attrezzano per portare sempre più gente: tutti desiderosi di vedere gli enormi lastroni emersi disegnare l’orizzonte della Siberia meridionale.

Per approfondire:
Wikipedia

I commenti all'articolo "Lago Baikal, meraviglia russa"

Scrivi il tuo commento tramite

Loading Facebook Comments ...
Loading Disqus Comments ...